Primo incontro del Consiglio Pastorale Unitario

Pubblicato giorno 1 novembre 2019 - Consiglio Pastorale

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Il Consiglio pastorale unitario dell’Unità pastorale di Agugliaro, Noventa e Saline si è riunito per la prima volta presso il patronato di Noventa il giorno 29 ottobre 2019 alle ore 20.30.

Il parroco don Giorgio, dopo la preghiera iniziale, ha introdotto brevemente la lettera pastorale del Vescovo per il nuovo anno pastorale.
Il Consiglio pastorale unitario risulta ancora incompleto perché non sono ancora stati rinnovati i Consigli pastorali per gli affari economici delle tre parrocchie.
Entro il 31 ottobre dovranno essere comunicati per ogni parrocchia due nominativi scelti dai membri del CPU e due nominativi indicati dal parroco: il Vescovo quindi nominerà i membri dei CPAE.
Per ognuno dei tre CPAE ci sarà un rappresentante in CPU.
Al momento le votazioni espresse dai membri del CPU vanno a riconfermare i componenti degli attuali CPAE, che possono comunque ricevere un altro mandato.
Si è stabilito un calendario dei prossimi incontri del CPU:
19 novembre
28 gennaio
3 marzo
28 aprile.
Ci si è divisi quindi in base agli ambiti pastorali di appartenenza: ogni ambito ha scelto un proprio componente che farà parte della segreteria, poi alla luce delle indicazioni della lettera pastorale si sono valutate alcune proposte da presentare al CPU.
Dopo la discussione a gruppi ci si sono riuniti per riportare le relazioni nel gruppo.
Formeranno la segreteria del CPU Gianluigi Coltri (ambito socio – culturale), Chiara Brusadin (ambito annuncio), Massimo Tagliaferro (ambito liturgico), Valeria Belcaro (ambito carità).
L’ambito socio – culturale ha proposto un maggior rapporto con il territorio e suggerito incontri annuali con le autorità civili, con i dirigenti scolastici, con le realtà del territorio (es Fondazione Stefani)…per una lettura più attenta delle esigenze e per un miglior coordinamento.
L’ambito dell’annuncio ha sottolineato che le linee guida diocesane puntano sulla formazione, in particolar modo degli adulti. Sarebbe utile proporre momenti di incontro e scambio tra persone, a partire dall’aspetto conviviale.
L’ambito liturgico ha proposto l’inserimento nel foglietto domenicale di spiegazioni che possano valorizzare e far scoprire/riscoprire alcuni aspetti importanti della fede e della liturgia. Sarebbe utile e necessario un momento aggregativo di conoscenza reciproca tra i membri del nuovo CPU.
L’ambito della carità ha suggerito di rivalutare le esperienze locali e di sensibilizzare a riguardo la comunità (in particolare i ragazzi nel cammino post – sacramentale).

Lascia un commento

  • (will not be published)